Incentivi Fotovoltaico

Riforma Incentivi Rinnovabili 2012 Quinto conto Energia

In un servizio de Le Iene andato in onda nella puntata di venerdì 20 aprile 2012, l’inviato Giulio Golia ha approfondito il tema della riforma degli incentivi alle rinnovabili del Governo Monti.

Riforma Incentivi Rinnovabili 2012 Le Iene 20/04/2012

Dott. Valerio Natalizia - Gruppo Imprese Fotovoltaiche Italiane (Le Iene 20/04/2012)

Dopo aver parlato dell’incidenza degli incentivi del fotovoltaico sulla bolletta energetica, Giulio Golia ha intervistato il presidente del Gruppo Imprese Fotovoltaiche Italiane. Al Dott. Valerio Natalizia è stato chiesto un parere sulla riforma delle rinnovabili che il Governo sta attuando in queste settimane, e che dovrebbe portare al rilascio ufficiale del Quinto Conto Energia, che dovrebbe essere attivato a partire dal 1 luglio 2012.

Ecco una trascrizione dell’intervista. Le domande vengono fatte da Giulio Golia e le risposte sono del presidente del Gruppo Imprese Fotovoltaiche Italiane.

Cosa ne pensa delle riforme per le rinnovabili che sta attuando il governo?

Le mosse del Governo rischiano di mettere a repentaglio tutto quello di buono che si è fatto nel settore fotovoltaico in questi anni termini di investimenti, numero di occupati e proseguimento dell’attività delle aziende in questo mercato.

Praticamente, cosa cambia rispetto a prima?

Sono stati ridotti gli incentivi fotovoltaici di circa il 35%-40% e poi sono state introdotte delle norme e delle procedure che, invece di semplificare, vanno ad aggravare l’iter autorizzativo per chi vuole realizzare un impianto fotovoltaico.


Se le riforme annunciate dovessero diventare legge cosa succederebbe?

Il settore rischierebbe il collasso, e questo sarebbe paradossale, soprattutto per un mercato come quello delle rinnovabili che in questi anni è cresciuto tantissimo, creando circa 120-150 mila occupati, ed è un settore che ha attratto investimenti per 260 miliardi di dollari nel 2011. Si tratta di investimenti in crescita. Solo l’Italia nel 2011 ha avuto 40 miliardi di investimenti. Quindi sarebbe un po’ come andare contro la storia. È un cambiamento che, indipendentemente da quello che succederà in Italia, avverrà comunque. L’Italia non deve perdere questa occasione.

Lei, presidente del Gruppo Imprese Fotovoltaiche Italiane, vuole dare un consiglio al Governo?

Siamo d’accordo nel razionalizzare gli incentivi, ma questo deve essere fatto senza creare un drastico stop al nostro mercato. Chiunque deve poter installare il proprio impianto fotovoltaico, che garantirà l’abbassamento delle bollette e questo consentirà, anche senza incentivi, probabilmente in 2 o 3 anni, al nostro mercato di essere maturo e quindi libero da finanziamenti esterni.

Se dovessero passare queste riforme sarà ancora conveniente farsi un impianto fotovoltaico domestico?

Sarà ancora conveniente, anche se un po’ meno rispetto a prima e soprattutto sarà un più difficile per quanto riguarda l’autorizzazione, anche in termini di costi. L’invito è comunque ad installare impianti fotovoltaici, soprattutto di piccola e media taglia perché in questo modo potremo produrre energia la dove può essere anche auto-consumata. Un’energia pulita, un’energia che nel lungo periodo farà bene al paese sia in termini di bolletta energetica italiana, ma soprattutto in termini ambientali.

Il video ufficiale dell’intervita (che comincia al minuto 03:46) è disponibile sul sito Video Mediaset http://www.video.mediaset.it/video/iene/puntata/297853/golia-energie-rinnovabili.html